«

»

Stampa Articolo

Cosmologia – 14 – Siete sicuri di voler campare per sempre? Gli inconvenienti di una vita infinita.

di Mario Giardini

tempo_infinitoI progressi della medicina, della biologia, e di tutte le scienze che si occupano della salute dell’uomo, lassciano sperare che un giorno non lontano, avremo una vita eterna, cioè di durata infinita.

Se  per caso vi si domandasse: vorresti una vita infinita, che risposta dareste?

Secondo me non è del tutto scontato. Perché sorge una domanda: come sarebbe, questa vita infinita? Quali gli aspetti negativi, se ve ne sono? Ecco una breve carrellata di risposte. Tutte col sorriso sulle labbra.

Il riposo. Una vita di infinita durata significa che puoi fare tutto, ma proprio tutto l’immaginabile, perché hai un tempo infinito a disposizione… ma se hai un tempo infinito a disposizione per fare tutto, che fretta c’è? Tanto per incominciare, si potrebbe riposare per un tempo… infinito… e solo dopo incominciare a essere o fare qualcosa.

Inopinatamente, l’eguaglianza: avvisare Carletto Marx che la rivoluzione è obsoleta. Se tu hai un tempo infinito a disposizione, e ce l’hanno tutti, allora quello che tu hai fatto in questo tempo infinito (cioè tutto quanto è possibile fare), anche tutti gli altri lo avranno fatto… in altri termini, saremmo tutti eguali. Perché, come afferma Borges, ogni uomo è il prodotto delle sue circostanze. Ma queste, essendo infinite, sarebbero le stesse, prima o poi, per tutti, perché sono tutte le infinite circostanze possibili. Che gusto ci sarebbe allora, a vivere? Ogni uomo sarebbe tutti gli uomini. E viceversa, tutti gli uomini sarebbero lo stesso uomo.

Hum. Conosci  te stesso… ricordate? Ma come sarebbe possibile, se, per un tempo infinito, non si fa altro che infinite cose? Conoscere se stessi sarebbe, per definizione, un compito dalla durata infinita… cioè un compito che non finisce mai…

I viaggi del viaggiatore che vive per sempre. C’è qualche problemino, nella vita eterna, nevvero? Con un tempo infinito a disposizione si avrebbe modo di visitare l’intero uni-multi-verso… e fare tappa in ciascun suo mondo o stella per un tempo infinito… (paradossi degli infiniti)… ma, a ben guardare, qualcuno potrebbe concludere che ciò non sarebbe meno noioso di vivere eternamente su questa Terra.

La domanda dunque resta: perché sarebbe desiderabile una vita eterna? Ammesso che, beninteso, un perché ci sia e non ce ne siano infiniti. Perché, se il loro numero è infinito,  allora per rispondere alla domanda impieghereste un tempo infinito.

Mutiamo punto di osservazione. L’eternità non è una cosa vaga e indefinita. E’ un concetto semplice da esprimere: si vive per un tempo infinitamente grande. Cioè, per sempre. Per sempre. Naturalmente, alla semplicità dell’espressione corrisponde una idea che dà le vertigini. Vivere in eterno? Allora non si muore mai?

Non è detto. Anche se, logicamente parlando, una vita senza fine, intanto, vuol dire una vita senza vecchiaia. L’orologio biologico, per come lo conosciamo, deve fermarsi. Dunque è necessario alterarlo, se vogliamo vivere in eterno. Ma se è possibile fare questo, allora diventa possibile sconfiggere ogni malattia, presente e futura. Sì ma… e gli ospedali? Beh. Con un tempo infinito a disposizione, perfino in Italia diventerebbe possibile curare tutti e bene. E se muori prima che l’Italia si adegui? Hum. A questo no ho pensato. Rispondo con un prossimo articolo.

Proseguiamo. Quindi l’ipotesi, adesso, è: siete eternamente giovani. O, per lo meno, avete la possibilità di esserlo. Scegliereste di essere eternamente giovani? Non vi affrettate a rispondere. Intanto, ci sono alcuni problemi etici da risolvere, perfino per giovani eterni. Il primo, anche se non il più facile, è: se hai un tempo infinito a disposizione, che cosa fai? Nulla? Oppure fai tutto quello che c’è da fare? In entrambi i casi, avresti infinite giornate egualmente vuote o infinite giornate egualmente piene e identiche. Infatti, prima o poi, rifaresti le stesse cose, per un numero infinito di giorni. Che sapore avrebbe una giornata che si sa identica a infinite altre giornate? Immaginate di essere un tifoso romanista, che perde infinite volte il derby con la Lazio. Piacevole, la prospettiva?

E… se la vita fosse infinita… aumenterebbe l’onestà? Forse no. Ma con un tempo infinito a disposizione anche la polizia italiana finirebbe per scoprire gli autori di tutti i delitti. Ma…e le pene? L’ergastolo come sarebbe? E comunque: qualunque numero finito di anni di prigione sarebbe trascurabile rispetto alla lunghezza della vita.

Eppoi altre domande cruciali. Quando si andrebbe in pensione? Mai? Quanti parenti avrei? Un numero infinito. Quanti mogli? Un’infinità. E quante suocere? Altrettante. La infini-poligamia sarebbe lo sbocco naturale e desiderabile? Sì? Calma: pensate alle cozze inguardabili ma belle dentro, che avete conosciuto nella vostra vita, e ragionate, prima di rispondere.

E alle religioni, cosa accadrebbe? Molte vedono questa vita come preparazione a quella futura, post mortem. Ma se la morte non c’è? Passereste un tempo infinito a fare anticamera di fronte al Paradiso?

Ma, forse, si può obbiettare che tutto si fermerebbe: prima di fare qualunque cosa, ciascuno riceverebbe un numero infinito di suggerimenti e di consigli. E ci vorrebbe un tempo infinito per ascoltarli e scartarli tutti. Infine: visto che la mente umana contiene e può contenere solo un numero limitato di ricordi, avendone un numero infinito, come farei? Ogni giorno a scaricare l’hard disk? E ci sarebbe un piccolo problema aggiuntivo: cosa cancellare? Cioè di quali ricordi liberarsi? Non pare un problema banale.

Insomma: conviene o no essere eterni? Risposta: se sei italiano, no.

Pensa che palle delle dimensioni infinite ti verrebbero: sentir sparlare del Berlusca e delle nipoti di Mubarak per miliardi e miliardi di anni; vedere la Madia a Dimartedì; la Gruber, Travaglio, Mieli e Scanzi che suonano sempre la stessa canzonetta; don Jorge che invece di tornare in Patagonia, invita  150 milioni di immigrati all’anno a buttarsi e nuotare, tanto la Marina italiana li recupera, rigorosamente, entro gli 11 metri dalla spiaggia; Salvini che diventa un politico del sud; trote pescicani e pesciolini tropicali; corrotti e loro cricche così professionali da essere diventati onlus; stato sociale e politica redistributiva, che porta il governo a tassare al 115% per PIL, col permesso UE: flessibilità; super-pensioni da ritagliare; e finti invalidi; mala sanità; tasse ed evasioni; Bersani e le poiane appollaiate sui tetti a pettinare bambole di poiane; l’Intelligente by default appena sceso dall’Icarus, e poi Matteo che parla inglisc a Harvard; la Juve che vince solo perché gli danno i rigori a favore; l’Inter e la Roma che incominciano prime e finiscono a metà classifica; il Napoli che smadonna perché San Gennaro non collabora a fargli vincere lo scudetto; la magistratura che intercetta anche i feti;  la scuola che non funziona, ma è proibito dire che se non funziona, sarà colpa del 99% di insegnanti femmine?; dieci domande dieci di Repubblica sulle Olgettine ine ine, per miliardi e miliardi di anni in prima pagina ecc. ecc. ecceterissima… all’infinito…

Insomma, avete capito.

Se mai qualcuno vi offrisse una vita eterna, il mio consiglio sarebbe: giocate, subito, alla roulette russa, con sei pallottole sei nel caricatore.

Cosmologia – 14 – Siete sicuri di voler campare per sempre? Gli inconvenienti di una vita infinita.ultima modifica: 2016-04-12T19:36:02+00:00da portoreale
Reposta per primo quest’articolo

Permalink link a questo articolo: http://nullius.myblog.it/2016/04/12/cosmologia-14-siete-sicuri-di-voler-campare-per-sempre-gli-inconvenienti-di-una-vita-infinita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*